Meccatronica – Regolarizzazione imprese di autoriparazione

Si ricorda che il 4 gennaio 2018 scade il termine di legge per l’adeguamento delle imprese di autoriparazione ( sezioni meccanica-motoristica o elettrauto ) alla nuova sezione meccatronica.

La scadenza riguarda le imprese che alla data del 5 gennaio 2013 erano abilitate o alla sola meccanica motoristica o al solo elettrauto: ad esse la legge ha concesso di continuare a svolgere l’attività per cinque anni, che scadono appunto il 4 gennaio 2018.

Entro tale data le imprese suddette dovranno iscriversi alla nuova sezione meccatronica previa dimostrazione che i responsabili tecnici già preposti ad una delle due sezioni abolite hanno conseguito i requisiti necessari mediante, alternativamente:

– la frequenza obbligatoria a un corso professionale riconosciuto dalla Regione per l’abilitazione professionale non posseduta;
– l’esercizio dell’attività di meccanico – elettrauto per almeno tre anni negli ultimi cinque (mediante esibizione di fatture)
– il conseguimento di un titolo di studio abilitante

In mancanza l’impresa potrà acquisire l’abilitazione alla nuova sezione meccatronica solo nominando nuovi responsabili tecnici in possesso dei requisiti di legge.

Senza l’adeguamento descritto l’impresa NON potrà continuare a svolgere le attività di meccanica motoristica o elettrauto.

Pertanto si invitano le imprese che si trovano nella situazione sopra descritta a presentare domanda di iscrizione nella nuova sezione meccatronica entro il 4 gennaio 2018 mediante una pratica telematica di Comunicazione Unica di variazione dell’attività nella sede (o nell’eventuale unità locale), indicando quale inizio attività di meccatronica la data di presentazione della denuncia ed allegando la modulistica per l’autocertificazione dei requisiti del soggetto che funge da responsabile tecnico e l’autocertificazione antimafia.

Si ricorda infine che quanto descritto non si applica ai responsabili tecnici che, titolari o meno dell’impresa, alla data del 5 gennaio 2013 avevano già compiuto cinquantacinque anni: gli stessi potranno continuare a svolgere l’attività fino al compimento dell’età prevista per il conseguimento della pensione di vecchiaia.

Contenuto inserito il 02/01/2018
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità